home_p1.jpg Montagna360
per vivere la montagna a 360 gradi! Roccia Sci Alpinismo Ghiaccio Viaggi

Ladakh
Trekking Marka Valley con la salita allo Dzo Jongo (6055m) e Kang Yatse (6200m)

Home Contatti

Il trekking nell’affascinante regione del Ladakh e la salita di una vetta di oltre 6000 metri sono l'obiettivo di questo viaggio nella regione che viene soprannominata il piccolo Tibet. Ci immergeremo in un mondo ricco di storia, culture e scenari unici. Questa regione dell'India nord occidentale incastonata tra Himalaya e Karakorum, i suoi monasteri, la sua gente e le sue montagne vi entreranno nel cuore e vi regaleranno un viaggio indimenticabile!
 

Resoconto Ladakh 2015

Programma:

Giorno 1: volo Milano-Delhi, scalo a Delhi, e volo per Leh.

Giorno 2:
Al mattino arrivo a Leh, accoglienza e trasferta in albergo. Riposo assoluto, dopo pranzo, breve passeggiata a Leh e visita del Shanti Stupa. Ritorno in albergo, cena e riposo.

Giorno 3: Giornata dedicata all'acclimatamento, visita in mattinata della città di Leh e del suo Bazar e palazzo reale, dopo pranzo visita dei monasteri di Thikse e Shey. Ritorno in albergo, cena e riposo.

Giorno 4: Leh - Chilling - trekking Skiu (5-6 h)
Al mattino presto partenza per Chilling  in jeep e inizio del trekking da Chiling a Skiu.

Giorno 5: Skiu - Markha (7-8 h)
Seguendo il Markha River, percorreremo la piacevole valle su un sentiero pianeggiante. Il tracciato attraversa il fiume in diversi punti e attraversa insediamenti invernali ricchi di Lhatos (templi dedicati alle divinità locali) e muri Mani (graffiti di preghiere Buddiste). Dopo l’ultimo attraversamento del fiume si raggiunge Markha, il villaggio più importante della valle con una cinquantina di abitazioni, un antico monastero e un forte in rovina.

Giorno 6: Markha - Thachungtse (5-6 h)
Il percorso della valle di Marka continua attraverso vecchi mulini di pietra, rovine di un castello e il monastero di Techa (di buon auspicio per i viandanti) orgogliosamente abbarbicato sul picco roccioso che domina Marka. Il cammino attraversa di nuovo il fiume diverse volte passando per gli ultimi villaggi della valle. Dopo aver lasciato il villaggio di Umlung potremmo godere della prima vista dello Kang Yatse, che rimarrà alla nostra vista fino all’attraversamento del Kongmaru La. Dopo una pausa per il pranzo nel villaggio di Hangkar (l’ultimo della valle), continueremo fino al verde pascolo di Thachungste, dove sistemeremo il campo.  

Giorno 7: Thachungtse - Nimaling (4-6 h)
Oggi il percorso ci porterà fino al bellissimo altipiano di Nimaling, dove I pastori della Valle di Markha portano le greggi nel periodo estivo, Nimaling con i sui 4700m sarà il campo più alto del nostro trekking.

Giorno 8: Nimaling Dzo Jongo base camp (4 h)
Salita al campo base  del Dzo Jong (5035m) lungo una salita su terreno roccioso. Passeremo la mattinata a recuperare le fatiche degli ultimi giorni. Dopo una pausa sufficiente al recupero partiremo per il campo alto (5500 m.). Sebbene le distanze siano piuttosto ridotte la quota renderà la camminata piuttosto stancante.

Giorno 9: Dzo Jongo Summit (6055m) e discesa al campo base del Kang Yatze (8/9h)
Partenza nella notte e salita al Dzo Jongopeak attraverso una facile salita suneve e ghiaccio con alcuni crepacci. Salita ideale per migliorare il nostro acclimatamento.

Giorno 10: giornata di scorta in caso di brutto tempo o di riposo.

Giorno 11: Campo base – Kang Yatze Summit - Nimaling (9-10 h)
E' la giornata dedicata alla salita del primo obiettivo del viaggio: il Kang Yatze. Visto che la giornata sarà piuttosto impegnativa e lunga, partiremo a mezzanotte. Ma una volta in cima (6200 m.) la vista sul Tibet, sullo Zanskar e sul Karakoram sarà talmente spettacolare che tutta la fatica fatta di colpo non si sentirà più. Dopo le consuete foto di rio in cima scenderemo a Nimaling, dove ci si fermerà l’intero pomeriggio per recuperare le fatiche della scalata.

Giorno 12: giornata di scorta in caso di brutto tempo o di riposo a Nimaling.

Giorno 13: Nimaling - Shangsumdo via Kongmarula 5200 m (7 h)
Dopo un’abbondante colazione attraverseremo il Kongmaru La, il più alto passo del trekking. Qui potremmo godere di una vista meravigliosa sulle montagne e le valli intorno. La discesa di circa due ore è piuttosto ripida ma diventa più dolce non appena si entra nella gola di Shang con le sue bizzarre formazioni rocciose. Attraverseremo diverse volte il fiume prima di raggiungere la sorgente di Chuskurmo (usata tradizionalmente dai medici di Amchi). Dopo una pausa continueremo attraversando un paio di villaggi prima di raggiungere Shang Sumdo, da qui saliremo in macchina e torneremo a Leh dove passeremo la notte.

Giorno 14: Giornata a disposizione. Notte in Albergo

Giorno 15: Trasferta all'aeroporto di Leh e volo di ritorno in Italia. 

Periodo: Agosto 2018
 

La quota comprende:

·       Tutti i trasferimenti in India

·       3-4 notti in albergo in camera doppia a Leh con colazione

·    10 notti in tenda con la nostra squadra di trekking/spedizione con tutto il materiale per il trekking: tenda per due, materassini, tenda cucina, cuoco, assistente, ponies e ponyguide, trekking guide, tutti i pasti durante il trekking (il pranzo sarà al sacco)

·       Permessi di spedizione per Kang Yatze e Dzo Jongo

·       Ladakh Tax e tutte le tasse di Wildlife e Camping

 La quota non comprende:

·       Voli e tasse aeroportuali Milano-Leh (indicativamente 700 euro)

·       Le cene e i pranzi a Leh e Agra (circa 5-10 euro per cena)

·       Bevande e snacks extra a tavola o durante i trasferimenti

·       Mance per lo staff del trekking

·       Spese personali

·       Spese per il Visto per l'India

·       Assicurazione viaggio e infortuni

·       Tutto quello non esplicitamente menzionato in "Il prezzo include"
 

Difficoltà: E’ richiesto un buon allenamento e buone condizioni fisiche. Durante tutta la durata del trekking si dormirà in tenda (tende da 2 posti). I pasti verranno consumati nella tenda mensa. Per le salite allo Stok Kangri e Dzo Jongo si procede in cordata; per questo motivo è necessaria una discreta capacità nell’utilizzo di picozza, ramponi e comportamento corretto in cordata da parte d’ognuno.