home_p1.jpg Montagna360
per vivere la montagna a 360 gradi! Roccia Sci Alpinismo Ghiaccio Viaggi
Ultime uscite effettuate:                               2022

Home Contatti

 

Aprile 2022

Scialpinismo: Norvegia

Dieci magnifici giorni trascorsi al 70° parallelo sciando sempre vista mare tra i fiordi delle alpi di Lynghen e sulle isole di Uloya e Kaghen. In questa annata povera di neve, una trasferta per sciare sulle nevi norvegesi era quasi d'obbligo, e la quantità di scialpinisti provenienti da tutta Europa incontrati all'aeroporto di Tromso, ci fa capire che non siamo gli unici ad avere avuto questa idea! La nostra base per questa vacanza sarà una bella casa munita di tutti i comfort di fronte all'isola di Kagen, su un bel porticciolo e nel nulla più assoluto, immersi solo nella natura norvegese.
Anche in questo viaggio il meteo è dalla nostra, permettendoci di sciare praticamente sempre, con tre giornate strepitose di sole con cielo blu cobalto che ci ha regalato panorami dai colori incredibili. Temperature mediamente alte, neve primaverile, non proprio quella che ci si aspetterebbe in Norvegia, ma sempre ben sciabile e divertente. Il sesto giorno però, una nevicata notturna, ci ha ricordato di quanto sia bello sciare in neve fresca, sensazione quest'anno mai provata... E l'ultimo giorno, già soddisfatti e stanchi delle gite fatte, quando ci avviamo un po' svogliati per l'ultima gita in un panorama in bianco e nero tipico norvegese, il caso (o il solito "culo della guida") ci regala anche l'avvistamento di un bel branco di 40 renne proprio sotto la punta!
Tante le gite fatte:
Giilavarri, Rissavarri, Storhaugen e Sorbmegaisae vicino alla città di Olderdale
Fastantilden, Kravingtinden
, Tafeltinden nella penisola di Lynghen
Storsandnestind e Brelkagen sull'isola di Kagen
Kjelvagtinden, Uloyatinden e Blatinden sull'isola di Uloya.
Su tutte, le gite più belle ed emozionanti come neve e panorami, sono state indubbiamente la traversata dell'isola di Uloya (con le sue tre cime), la lunga salita sul ghiacciaio al Tafeltilden e il bel pendio finale del Fastantilden finalmente su incredibile neve farinosa.
Insomma meteo, location, condizioni, tutto ha contribuito alla riuscita del viaggio, ma soprattutto un gruppo omogeneo di persone entusiaste che si è perfettamente adattato allo spirito del vacanza norvegese, ha permesso che questo viaggio sia stato assolutamente perfetto! 

Foto

 

25 Marzo. Skialp Race: SellaRonda

Si chiude alla grande la stagione agonistica di scialpinismo con la regina delle gare notturne: il SellaRonda. 42km e 2700m per fare i 4 mitici passi dolomitici: Campolongo, Pordoi, Sella e Gardena. Organizzazione impressionante, piste tirate a lucido e tanto pubblico su tutte le salite. L'attraversamento dei paesi è da pelle d'oca, e l'arrivo dentro il palazzetto dello sport, con gli sci ai piedi su un nastro di neve riportata, da solo ripaga di tutta la faticaccia fatta per completare il giro. L'obiettivo nostro era di stare sotto le 4h e nelle prime 50 squadre; con il super socio Gabriele Vergano, stasera in grande spolvero, lo raggiungiamo ampiamente chiudendo 42° assoluti, su circa 600 squadre, in 3h52' a 49' dai vincitori: i fortissimi Eydallin e Boscacci.

Foto

 

19-20 Marzo. Skialp Race: Altitoy

Trasferta nei Pirenei con l'ormai collaudatissimo socio Gabriele per la prima tappa del circuito della Grand Course con la gara dell'Altitoy. Due giorni di gare con base a Luz Saint Sauveur ai piedi del mitico colle Tourmalet. Sabato prima tappa da 24km e 2500m su un bellissimo percorso con 5 salite attorno al Pic du Midi. Domenica altra tappa da 2400m in 4 salite con due tratti di cresta con i ramponi e discese tecniche in canali ripidi con partenza e arrivo nella stazione di Luz Ardiden. Organizzazione impeccabile, scenari bellissimi, tanta neve, e finalmente ottime discese in fuoripista! Alla fine dei due giorni terminiamo soddisfatti in 13° posizione assoluta e secondi over40 su circa 80 squadre.

Foto

 

6 Marzo. Scialpinismo: tete du Vallon

Alla ricerca della neve e delle gite, ci spostiamo negli Ecrins nel vallone di Fontenil da Monetier. Scelta azzecca, si parte con gli sci ancora dalla macchina e tutto il vallone è ben innevato.
Con il gruppo dei "ciclisti" Franco, Roberto, Giancarlo, Enrico, Arturo e Carlotta puntiamo diretti alla Tete du Vallon con il suo bel pendio ripido finale che saliamo con i ramponi.
Discesa anche oltre le aspettative, andando a cercare le esposizioni giuste per trovare la neve migliore.

Foto

 

4 Marzo. Skialp race: Monterosa skialp

Non c’è due senza tre: terza gara in coppia con il socio Gabriele Vergano chiusa alla grande. Monterosaskialp, una delle mie gare in pista preferite, bel tracciato da 2800m e 30km distribuiti su 5 salite e altrettante discese. Per noi la soddisfazione di terminare 10° assoluti su circa 90 squadre, in 3h16’. Come sempre gara impegnativa e in questa edizione resa ancora più dura dal meteo incredibilmente inclemente (considerando che sono 3 mesi che regna sovrano il sole). Nebbia e nevicata fitta su buona parte del percorso, discese da radar attivato e salite...  vabbè, quelle, più che guardare le code degli sci del mio socio, non c’era molto altro da vedere!!

Foto

 

27 Febbraio. Scialpinismo: col du Trois Freres Mineurs

Dopo la sgasata di sabato sera, ci stava proprio un giro rigenerante con lo Slow Ski Food Team! Con Michela, Serena, Enrica, Ugo e Stefano andiamo al col du Trois Freres Mineurs dal Monginevro

Foto

 

26 Febbraio. Skialp race: Mondolè Ski Marathon

Squadra vincente non si cambia: altra gran gara con il solidissimo socio Gabriele Vergano alla Mondolè Skimarathon. Gara tiratissima: 1320m in 15km con 5 salite e altrettante discese che chiudiamo 5° assoluti in 1h31' su circa 50 squadre. Tutta la gara a fare a sportellate con gli amici-rivali Mauri Basso, Stefano Camaglio, Marco Alifredi e con un'autentica leggenda di questo sport come Graziano Boscacci, per me un onore riuscire a seguire le code dei suoi sci. Nel 2001 lui vinceva il Mezzalama, io lo chiudevo stremato al 139° posto...

Foto

 

20 Febbraio. Skialp race: Les Sybelles

Dopo due anni torno a gareggiare in una gara a coppie a Les Sybelles che quest’anno assegnava il titolo nazionale francese a squadre. Come avviene in questi casi livello altissimo con professionisti e amatori che si sono dati battaglia su un bel percorso composto da 5 salite e altrettante discese per un totale di 2300m e 22km. Per noi 3h04’ di gara, 28° assoluti su 80 squadre maschili e 6° over40. Come sempre a full gas dal primo all’ultimo metro per una faticaccia bestiale, ma se al fianco hai un super-socio come Gabriele che ti segue alla perfezione e ti dà anche una mano nei momenti difficili, la fatica quasi non si sente (ma il mal di gambe si)!

Foto

 

19 Febbraio. Scialpinismo: Aiguillette du Lauzet

Si torna a Nevache con il gruppo bike-ski team (Giancarlo, Carlotta, Enrico, Roberto e Franco) con l'aggiunta anche del giovane ciclista Carlo. Condizioni della neve peggiorate rispetto il we precedente, ma comunque riusciamo a portare a casa una bella gita: l'Aiguillette du Lauzet.

Foto

 

13 Febbraio. Scialpinismo: Crete du Chatelard

In questo inverno anomalo, dopo tante gite primaverili finalmente una dal sapore invernale. Con Roberto, Enrico e Roberto siamo andati in val Clareè alla Crete du Chatelard. Ambiente tutto bianco, neve farinosa, temperature sottozero e addirittura qualche nuvola in partenza!

Foto

 

5 Febbraio. Scialpinismo: Monte Thabor

Oggi con Enrico una volta arrivati in cima al Thabor eravamo indecisi se scendere dal lago bianco o dalla normale, nel dubbio l’abbiamo fatto due volte e scese entrambe per un totale di 37km e 2700m di dislivello. Buone condizioni generali, scendendo dentro le combe si trova un divertente straterello di farina riportata dal vento.

Foto

 

 

4 Febbraio. Scialpinismo: Trois Scies

Mi era sempre capitato di passarci sotto, ma mai di salirci sopra: Pointe des Trois Scies, fatta in accoppiata al giro di Rochers Charniers con discesa su Fenils e risalita al colle dello Chaberton. Assieme all'ultratrailer Franco, per lui poche gite a stagione, ma sempre impegnative!!

Foto

 

30 Gennaio. Scialpinismo: Chaberton

Prosegue l'inverno anomalo con l'alta pressione di stampo primaverile. E di conseguenza continuano le classiche gite primaverili. Questa volta con Tazio andiamo allo Chaberton. Nonostante la poca neve, condizioni ottime, con gli sci dalla cima fino alla macchina, con una prima parte di farina pressata e poi dal colle in giù perfetta neve primaverile per una sciata migliore anche del previsto!

Foto

 

29 Gennaio. Scialpinismo: Gran Area

Con il gruppo dei "ciclisti" Franco, Roberto, Enrico, Giancarlo e Carlotta andiamo alla ricerca della bella neve in Francia a Nevache. Da questo lato delle alpi un po' più di neve che dal lato italiano e finalmente un bel paesaggio imbiancato. La gita scelta è una delle prime della valle: il canalone N della Gran Area. Ottimo innevamento, sci dalla macchina e farina pressata e qualche tratto con ancora un po' di farina intonsa.

Foto

 

24 Gennaio. Scialpinismo: giro di Rocher Charniers

Continua l'alta pressione e nonostante la poca neve, continuano le belle gite primaverili. Con Carlotta e Giancarlo facciamo il giro di Rocher Charniers con partenza dal Monginevro. Saliti dalla normale, scendiamo il canalone O e poi veloce risalita al colle dei Trois Froir Minors per rientrare al Monginevro. Neve più che buona su tutto il giro, a nord farina pressata e a sud neve trasformata.

Foto

 

22 Gennaio. Skialp race: Epic Ski Tour

Trasferta trentina per partecipare alla Epic Ski Tour al Monte Bondone. Gara relativamente giovane nel panorama scialpinistico, ma con una organizzazione degna delle più importanti gare internazionali. Organizzazione “trentina”, semplicemente perfetta! Percorso decisamente “muscolare”, in soli 14km, 5 salite, 4 discese e 1700m D+. Circa 250 partecipanti, con qualche big e tanti stranieri. Chiudo 46° assoluto e 3° over-50 in 1h35’, con tanto di premiazione finale in piazza del Duomo a Trento!!

Foto

 

16 Gennaio. Scialpinismo: Valfredda

Primo powder-day dell'anno. Grazie a una "soffiata" dell'amico Mario, con Enrico troviamo una val fredda Incredibilmente in neve fresca, pochissime tracce e solo noi due. La migliore sciata dell'anno, tanto da ripellare 3 volte alla ricerca delle vallette intonse.

Foto

 

15 Gennaio. Scialpinismo: colle della Rognosa del Sestriere

Continuano le belle giornate di sole. Dopo un periodo con temeprature invernali, torna una giornata calda, dal sapore primaverile. Con Roberto andiamo al colle della Rognosa, dove una settimana fa avevo trovato neve fresca, adesso si trova neve trasformata!

Foto

 

12 Gennaio. Skialp race: Torgnon

 Il lupo perde il pelo ma non il vizio… di sgasare. Notturna a Torgnon, bella competizione con tutte le possibili fasi di gara condensate in poco più di 900m di dislivello: due salite, una discesa, un tratto a piedi e tre cambi assetto. Un plauso agli organizzatori che malgrado il periodo complicato, sono riusciti ad organizzare perfettamente la gara. Nonostante i due anni di assenza dalle gare, mi sono ancora ricordato come si fa: 19-imo assoluto su 108 irriducibili e primo master. 

Foto

 

7 Gennaio. Scialpinismo: Rognosa del Sestriere

 E' sempre un piacere fare gita con i fratelli Tazio e Omar. Assieme ai due forti ciclisti saliamo la classica montagna che sovrasta Sestriere. Condizioni buone, sci dalla macchina, parte finale su neve dura ventata e poi dal colle in giù ancora dei bei tratti di neve farinosa.

Foto

 

6 Gennaio. Scialpinismo: Monte Pelato

In periodi di magra come questo, quando trovi anche solo 10cm di neve fresca, godi. E' quello che è capitato a me, Roberto, Franco, Roberto2 ed Elisa sul monte Pelato, grazie alle nevicatine dei giorni precedenti e alle temperature finalmente invernali

Foto

 

2 Gennaio. Scialpinismo: Bric del Mezzogiorno e Ghinivert

Si incomincia l'anno da dove si era terminato, con una gita in Val Troncea. Visto che questa è la valle con il maggior innevamento, con Enrico torniamo per salire due cime che ancora rimanevano fuori dalla lista di vette "conquistate" in questo inverno. Saliamo prima il Bric del Mezzogiorno. Bella discesa su neve trasformata fino a 2200m e poi risalita al Ghinivert. Qui neve un po' di tutti i tipi, mediamente sempre sciabile. Altra lunga giornata di sci con 2300m di dislivello e 25km.

Foto

 

Archivio uscite 2021

Archivio uscite 2020

Archivio uscite 2019

Archivio uscite 2018

Archivio uscite 2017

Archivio uscite 2016

Archivio uscite 2015

Archivio uscite 2014

Archivio uscite 2013

Archivio uscite 2012

Archivio uscite 2011

Archivio uscite 2010

Archivio uscite 2009

Archivio uscite 2008